Skip to main content

Marketing per psicologi: come costruire il tuo brand

By 21 Febbraio 2024Marzo 10th, 2024Marketing per psicologi
Marketing per psicologi: come costruire il tuo brand

Avrai sentito la parola “brand” in un mucchio di occasioni e contesti. Brand significa marchio, marca, parole che, se ci pensi bene, in italiano indicano proprio qualcosa che caratterizza un prodotto o servizio e lo rende riconoscibile, unico, con qualità e attributi specifici. Anche nel marketing per psicologi, capire come costruire il proprio brand è il primo passo per muoversi online.

Che cos’è un brand

Nel marketing, anche nel marketing per psicologi, per brand si intende quindi l’insieme di elementi che rendono la tua identità digitale unica, diversa dagli altri, facilmente identificabile.
Questo insieme di elementi comprende il logo, il claim, ma anche e soprattutto la reputazione del brand, i valori e le emozioni che associamo in automatico a quello specifico prodotto o servizio.
Il concetto di “brand” è più complesso di un singolo aspetto come logo o grafica.

Il brand rappresenta l’insieme di percezioni, emozioni e associazioni connesse a un prodotto, a un servizio o a un’azienda. È l’immagine che il pubblico ha di quel particolare marchio e come questo si differenzia dagli altri sul mercato.

Per capire cos’è un brand forse si fa prima con qualche esempio.
La frase “Just do it” cosa ti riporta immediatamente in testa? La Nike.
E se ti descrivo l’immagine di una mela morsicata? Apple.
E se ti parlo di una bella famiglia composta da madre, padre, due bimbi, che fanno colazione tutti insieme sorridendo? La famiglia della Mulino Bianco. Claim, logo e narrativa sono chiaramente identificabili, così impressi nella nostra mente che ci basta un attimo a capire di che marca si tratta.
Qui parliamo di grossi brand che investono da tanti anni e tanti soldi per costruire tutto questo.
Ma nel piccolo, anche il tuo è un brand: il tuo personal brand.

 

Cosa definisce un brand?

Abbiamo detto che non si tratta di un solo aspetto ma di un insieme di caratteristiche ben armonizzate fra loro.
Il tuo personal brand è composto da alcuni elementi chiave che non possono proprio mancare.

Nome
la scelta del nome non è banale. Sarà la prima cosa che ti identificherà. Hai molte opzioni. Il tuo nome e cognome col titolo, uno pseudonimo, qualcosa che riconduca a quello di cui ti occupi. Una volta scelto però tienitelo: è importante rimanga lo stesso nel tempo, è appunto uno degli elementi attorno a cui si costruisce un brand

Logo
fa parte delle componenti visive, dovrebbe essere un’immagine chiara, facilmente riconoscibile, distintiva. Il punto non è “più è particolare, meglio è”; il punto è che sia semplice da ricordare e, possibilmente, che abbia un senso, che sia legato al nome o a quello di cui ti occupi o che abbia una storia da raccontare

Identità visiva
qui siamo nell’ambito di colori, font, stile grafico che contribuiscono alla coerenza e riconoscibilità visiva del brand; per esempio è consigliabile scegliere un font e usare sempre quello, una palette di colori e seguire quella nelle grafiche

Claim
è una breve frase capace di esprimere un concetto in modo efficace e sintetico, un messaggio chiaro e coerente in tutte le comunicazioni e che comunica i tuoi valori e la tua personalità

Valori ed emozioni
ed eccoci alle componenti più impalpabili: ideali e convinzioni che vuoi trasmettere e che influenzano la percezione che chi ti segue ha di te

Esperienza del tuo pubblico
quando qualcuno si rapporta a te, che esperienza ne riceve? In altre parole: può aspettarsi da te di interagire con qualcuno alla mano o qualcuno sulle sue? Qualcuno ironico o serioso? Non c’è un giusto o sbagliato, la cosa che conta davvero è che tu sia autentico. Non devi scimmiottare qualcun altro perché ti piace quello che fa o perché pensi che avrà più successo di te. Il risultato sarà deludente e non otterrai granché

Reputazione
collegata all’esperienza che ha il tuo pubblico c’è la reputazione, ovvero cosa pensa questo pubblico, le opinioni che si forma sulla base delle interazioni che ha con te ed il tuo brand. Per esempio: entra in contatto col tuo blog, coi tuoi profili social e con le tue newsletter. Qual è l’idea che si è fatto di te? Ecco, questa è la tua reputazione

Marketing per psicologi: come costruire il tuo brand

Sviluppare e gestire la tua presenza online in modo strategico vuol dire creare una presenza online che rifletta in modo autentico la tua personalità, le tue competenze, il tuo stile.
Ma come farlo? Prova a farti delle domande e darti le risposte più sincere possibili.

Analisi
Qual è la tua personalità? Quali sono i tuoi valori? Ed i tuoi obiettivi? Se pensi al tuo te più profondo, cosa ti fa sentire più autentico?

Immagine
cosa riflette di più dal punti di vista visivo il tuo modo di essere? Quali colori? Font? Tipologia di immagini?

Narrativa
Cosa vuoi che trapeli di te? E cosa no? Sei libero, ricordalo. Sviluppa una narrativa coerente coi tuoi valori, che senti tua, solo così sarai davvero riconoscibile e autentico

Canali di comunicazione
ora che sai come vuoi essere, dove vuoi essere? Sui social? Su quali? Vuoi scrivere? Ti senti più a tuo agio in video?

Strategia
sviluppa la tua strategia di comunicazione, aiutati con piano e calendario editoriale

Il marketing per psicologi include molte attività. Come costruire il tuo brand è uno degli step iniziali, fa parte delle fondamenta per partire poi con tutto il resto. Ma non tutto è scritto nella pietra, non preoccuparti.
Non ti paralizzare focalizzandoti troppo su un singolo aspetto; prova, sperimenta, gioca.

Cosa farà del tuo digital personal brand un brand di successo?
La capacità di risuonare col tuo pubblico di riferimento.

 

Clicca qui per scaricare la guida gratuita su come promuoverti online in modo efficace e professionale!

____

Puoi trovare anche altri contenuti nella mia rubrica di Psicologia Digitale su Stateofmind.it e su Agenda Digitale.
Se questo articolo ti è piaciuto fammi sapere che ne pensi lasciando un commento o condividilo cliccando qui a destra!

 

Image credits Freepik.

Leave a Reply