Skip to main content

Come pianificare la tua strategia digitale

By 6 Marzo 2024Marzo 10th, 2024Marketing per psicologi
Come pianificare la tua strategia digitale

Pianificare la tua strategia digitale lo so, a primo impatto non suona una cosa semplicissima da fare. Sembra una cosa noiosa, pesante e che non tutti sanno fare. Rientra in tutti quei “eh io sono così, non so organizzarmi” che sono un po’ quei pregiudizi che noi stessi affibbiamo a noi stessi.

Scommettiamo che invece chiunque può non solo pianificare ma anche farlo con ottimi risultati?

Sì, perché se vuoi essere online una delle cose più importanti è essere costanti. E non puoi essere costante se non includi una corretta pianificazione nella tua strategia digitale.
Si tratta di definire un po’ di cose pratiche.

Perché hai bisogno di un piano?

E questa è facile! Perché ti dà la direzione e ti libera dal peso di non sapere cosa fare e quando farlo.
Di solito infatti si parte dal definire gli obiettivi per poi delineare alcuni dettagli come risorse, tempistiche, canali di comunicazione che vuoi adottare e che siano funzionali per te e per la tua specifica situazione.

Cosa devi pianificare quando lavori alla tua strategia di comunicazione digitale

Senza una vera e propria strategia di comunicazione digitale non vai lontano.
Non duri molto, ti perdi, ottieni anzi l’effetto contrario e quello più pericolo: ti scoraggi e molli tutto. Arrivi a pensare che non faccia per te. E questo è in assoluto l’errore più grande.

Invece grazie a organizzazione e pianificazione puoi gestire e ottimizzare la tua presenza online in maniera semplice e senza stress.
Parti da qui:

  • Analisi del target che vuoi raggiungere: quali sono i loro bisogni? Cosa cercano? Cosa gli interessa? Esempio: vuoi rivolgerti a persone che hanno difficoltà a dormire
  • Obiettivi chiari, misurabili e realistici: cosa vuoi ottenere? Più visibilità? Più contatti? Identifica un numero ma che sia realistico: non puoi ottenere 500.000 follower in un mese, credimi
  • Canali di comunicazione dove è più probabile trovare il tuo target: cosa cerca chi ha difficoltà a dormire? Potrebbe essere interessato a consigli e suggerimenti, quindi articoli che trattano di questo argomento
  • Creazione significativi e interessanti che rispondano alle esigenze del tuo target e che rispettino la tua professionalità e i tuoi valori: vuoi scrivere degli articoli su tale tematica; se nel tuo stile non c’è quello di essere ironico, per piacere, non forzarti a farlo. Il risultato sarebbe molto poco efficace; se non sei spontaneo si vede
  • Gestione delle piattaforme: sito e social vanno gestiti, non abbandonarli a se stessi e allo stesso tempo non ti fissare; ricorda l’importanza di essere costanti. Due contenuti di qualità e valore a settimana per 6 mesi fanno molto più di 5 contenuti a settimana per 1 mese
  • Pianificazione: eccoci qua al punto. Piano e calendario editoriale sono tuoi alleati, ma ci sono solo loro. Quelli ti aiutano con la ricerca di argomenti e la pianificazione di dove e quando pubblicare i tuoi contenuti; ma pianificare la tua strategia digitale è qualcosa che si fa a monte e che, come vedi, riguarda in generale tutti gli aspetti della tua attività online, per esempio quanto vuoi spendere e per cosa, di quali strumenti ti vuoi dotare. Quindi una pianificazione di tutte le tue attività di marketing (esempio: vuoi fare delle sponsorizzate? Se sì, quanto vuoi spendere e per quanto? Ecc.)
  • Risultati: a me chi ti assicura di avere più pazienti mi fa un po’ sorridere. Sono “marketing promises” un po’ forti da riuscire a sostenere. Ma allo stesso tempo ci sono dei risultati che vanno monitorati e questo ti serve per tatare il tiro e capire come muoverti in futuro.

La strategia digitale è in continua evoluzione, non la crei una volta e rimane così per sempre.
Va adattata in base ai dati raccolti, all’analisi di ciò che è andato come speravi e ciò che non ha funzionato. La flessibilità è cruciale per adattarsi ai cambiamenti nel mercato e nelle condizioni aziendali.

Se fai questo passo preliminare e strutturi una strategia di comunicazione digitale ben impostata, soprattutto tarata sulle tue specifiche esigenze e obiettivi, vedrai che i risultati arriveranno.

Perché creare una strategia digitale

Quando fai qualcosa, pensa al perché lo fai. Vale non solo nel marketing, direi.

Il tuo scopo in questo caso è avere una visione a lungo termine e una panoramica completa delle tue attività, incluse strategie e tattiche per raggiungere gli obiettivi di marketing che ti sei prefissato.

L’importanza della creazione di una strategia digitale risiede nel guidarti e darti un orientamento allineato a quello che è rilevante per te.
Aiuta a stabilire obiettivi specifici e le tattiche necessarie per raggiungerli.

E’ il collegamento tra quello che fai ed il perché lo fai e questo ti garantisce coerenza.

Ovviamente ti aiuta a organizzare le attività di marketing in un piano coerente e strutturato, fornendo una guida chiara su cosa fare, quando farlo e con quali risorse, come budget e tempo.
Ti permette di identificare, monitorare e ottimizzare le metriche e rivedere periodicamente cosa fai e come lo fai.

Ma ci sono altri due aspetti molto importanti.

Una strategia ti permette di ridurre i rischi e adattarti alle condizioni che cambiano.

Se hai una strategia vuol dire che hai anche una prospettiva e una visione di ciò che ti aspetta: questo ridurre il rischio di perder tempo, soldi, fatica appresso a attività che non hanno valore per te; la pianificazione strategica poi ti consente di essere sul pezzo rispetto alle ultime tendenze, di adattarti di conseguenza perché avrai previsto appunto di monitorare e analizzare i risultati periodicamente.

 

Clicca qui per scaricare la guida gratuita su come promuoverti online in modo efficace e professionale!

____

Puoi trovare anche altri contenuti nella mia rubrica di Psicologia Digitale su Stateofmind.it e su Agenda Digitale.
Se questo articolo ti è piaciuto fammi sapere che ne pensi lasciando un commento o condividilo cliccando qui a destra!

Image credits Freepik.

Leave a Reply